acufene: cause e fastidi
9128
post-template-default,single,single-post,postid-9128,single-format-standard,qode-core-1.0,suprema-ver-1.2,qodef-smooth-scroll,qodef-preloading-effect,qodef-mimic-ajax,qodef-smooth-page-transitions,qodef-blog-installed,qodef-header-standard,qodef-sticky-header-on-scroll-up,qodef-default-mobile-header,qodef-sticky-up-mobile-header,qodef-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Acufene: da cosa è provocata?

Acufene: da cosa è provocata?

L’acufene, o più semplicemente quella fastidiosa sensazione di ronzio o fischio che si avverte nell’orecchio è la conseguenza di un’irritazione o di un’infiammazione del nervo acustico. Questo fastidio lo avvertono, secondo le ultime stime, una percentuale che varia dal 10% al 30 % delle persone adulte.

Ma, se l’effetto del ronzio è cosa risaputa da molti, forse non tutti sanno da cosa è provocata all’interno del nostro orecchio. Cosa determina tecnicamente quel fastidioso ronzio?
Una ricerca effettuata dall’università dell’Illinois, ha analizzato il problema ed è giunta alla conclusione dei meccanismi che si verificano nel cervello ai soggetti che soffrono di acufene.

In base a questo studio scientifico, pubblicato su neurolmage: Clinical il disturbo dell’acufene cronico si manifesta in una regione ben precisa del nostro cervello: il precuneo.

La scoperta del luogo dove l’acufene si determina è stata resa possibile grazie ad un sapiente uso della risonanza magnetica che ha permesso di creare dei modelli relativi alla struttura ed alla funzione del cervello.

Questo studio ha fatto emergere che nei soggetti affetti da acufene cronico, quest’area è modificata. O meglio sono modificate le sue connessioni. In pratica in queste condizioni il cervello è sempre nella condizione “vigile” come se fosse in una modalità di “attenzione”. Dunque, in questa condizione è particolarmente concentrato a percepire i fischi, i rumori ed i ronzii.
Tale fastidio, come sa bene chi ne soffre, accompagna il sofferente per tutta la giornata ed anche la notte. L’acufene quindi rende disagevole affrontare la giornata, il lavoro le relazioni sociali e anche il necessario riposo notturno. La riconferma di questo danno è confermata da chi ne soffre con una condizione di perenne stanchezza e nervosismo, oltre che di deficit uditivo.
Questo è quello che avviene nel nostro orecchio quando c’è un’irritazione o un’infiammazione, meglio quindi prevenire i danni maggiori, facendo una sana e corretta prevenzione.

Il nostro suggerimento è quello di venirci a trovare nella nostra sede centrale, o in tutte le sedi con noi convenzionate, la nostra “rete amica“.

Sarà nostra premura garantirvi sempre il servizio migliore.

Prenota adesso la tua visita, fai il test uditivo…

Non ci sono commenti

Siamo spiacenti, in questo momento i commenti sono disabilitati.